ortofrutta

Si può misurare la qualità dell’ortofrutta? Eccome, se si può

Si può misurare la qualità dell’ortofrutta venduta nella gdo? La domanda è imbarazzante, soprattutto in un comparto dove la filiera è davvero lunga.

In occasione del Macfrut 2016, Amagi e il team di Riccardo Guidetti del Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali dell’Università di Milano hanno presentato i risultati di una ricerca riguardante nuovi criteri per la misurazione oggettiva della qualità dell’ortofrutta.

prezzi

Prezzi: proviamo a confrontare Amazon, Carrefour, Esselunga e Chronodrive

Settembre 2016. Si fa presto a dire Big Data! All’interno di questa categoria dai contorni ambigui, i prezzi di marche e prodotti costituiscono certamente il “nocciolo duro” attorno a cui ruota ogni logica di mercato anche del settore grocery.

Dopo aver assistito a numerosi convegni in materia, abbiamo cercato di verificare – mettendoci nei panni di un cliente/consumatore qualunque che viva nell’hinterland milanese – l’effettiva comparabilità fra i prezzi di diverse insegne online e l’utilità che essa potrebbe avere.

Beecher

Beecher’s: un caseificio nel cuore della Grande Mela

Beecher’s: un gourmet basato su un concetto all’apparenza semplice, ma – di fatto – difficile: un’offerta di formaggi genuini da degustare e acquistare. Un piccolo caseificio nel cuore della Grande Mela, combinato con la vendita al dettaglio di formaggi e un’area di ristorazione.

prezzi

Studiare i prezzi

Maggio 2016. I recenti dibattiti su prezzi e promozioni mi hanno trasferito l’impressione che, in essi, manchi la conoscenza dell’oggetto del contendere.

carne

Nella carne, il vero sconosciuto è il cliente

“Sa perché è difficile parlare di rapporto Qualità/Prezzo nella carne?” domanda Daniele Tirelli, presidente di Amagi. Perché il vero sconosciuto è il consumatore. Uno studio vero sui comportamenti, i criteri di valutazione ancora non è stato fatto. Si ragione e parla, quindi, per stereotipi.

produce

Painting with produce

The Italian tourist spellbound by the ‘Snow White syndrome” stands transfixed before markets like Au Bon Marché in Paris, Harrod’s in London and La Boqueria in Barcellona, examples all of ” painting with produce “, a novel display technique blending form and function.

Received ideas clothed in clichés offer more comfort than independent thought. The widespread idea that the United States, hated yet loved at the same time, is a country that simply does not know how to appreciate fruit and vegetables as mealtime staples thus serves the self-deceiving view that Italians are, among others in Europe, the experts when it comes to buying and selling fresh produce. In point of fact, however, a closer look at North America’s vast continental marketplace would lead to a very different conclusion…